Attis e il suono del tamburo

tamburo di gau

Il caro amico Vittorio Volpi,  grande esperto della civiltà greca ed autore del famoso Dizionario delle Opere Classiche (Editrice Bibliografica, 3 voll., 1994), mi informa di essersi imbattuto in un epigramma dell’Antologia Palatina (VI 220)  nel quale Attis, figlio della dea Cibele, dopo essersi rifugiato di notte in una grotta, viene inseguito e assalito da un leone e riesce a spaventarlo percuotendo il suo tamburo.
 
«Mentre, muto, rimaneva in preda all’orrore,
un impulso divino mosse il braccio sul suo tamburo .
Ecco che al cupo muggito, più svelta del cerbiatto
la fiera più ardita di tutte non sostenne
quel grave rimbombo e volse in fuga.
Quell’altro gridava: «Madre, qui, sulle rive del Sangario,
una cappella per questa salvezza ti dedico, e questo
rombo sonoro che fugò la belva».

Autore: Gaudenzio Ragazzi

(English). My name is Gaudenzio Ragazzi, a long time ago I graduated in Philosophy with a master in History of Theater. To realize my thesis on the "origins of dance", a theme that still today boasts only two or three specialized researchers in the world, I became a scholar of Prehistoric Iconography. In the last thirty years I have not been able to escape the responsibilities of life. So, after the death of my father, I led the family artisan company that produces tailored shirts. A few years ago I decided that it was time to resume my studies and complete the research I had started as a young man (that nobody else had yet completed). Good luck Gaudenzio! Mi chiamo Gaudenzio Ragazzi, molto tempo fa ho conseguito la laurea in Filosofia con specializzazione in Storia del Teatro. Sono diventato uno studioso di Iconografia Preistorica per realizzare la mia tesi di laurea sulle "origini della danza", argomento che ancora oggi vanta nel mondo solo due o tre studiosi di una certa levatura. Negli ultimi trent'anni non ho potuto sottrarmi alle responsabilità della vita. Così, dopo la morte di mio padre, ho guidato l'azienda artigiana di famiglia che produce camicie su misura. Alcuni anni fa ho deciso che era arrivato il momento di riprendere i miei studi e di fare da vecchio quello che non ho potuto fare da giovane (e che nessun altro nel frattempo aveva completato). Buon lavoro Gaudenzio !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...